NEWS
da Agire Ora Network

Notizie da AgireOra:

www.agireora.org


COME AIUTARCI

Supporta
Animal Liberation

DIARIO

Resoconto delle ultime iniziative



ADOZIONI

EARTHLINGS - il film

assolutamente
da vedere !

 

AnimalLiberation e' anche su

----------

Animal Liberation

----------

Archivio
Immagini dal web

----------

Aforismi e Citazioni

 

PRESIDIO AL CIRCO NANDO ORFEI

07 Luglio 2007, Rimini

Sabato 7 luglio abbiamo effettuato un presidio di protesta davanti al circo Nando Orfei appostandoci davanti all'entrata del circo Nando Orfei, che aveva piantato le tende a Rimini Nord vicino all'Italia in Miniatura. Eravamo una decina di persone, armati di striscione, cartelli e un pc portatile con il filmato sugli addestramenti/maltrattamenti degli animali nei circhi. 

I circensi a più riprese venivano a parlare con noi sostenendo che eravamo disinformati e che loro gli animali non li avevano più. Questo mentre i cartelloni pubblicitari mostrano Nando circondato dalle tigri con la scritta "Il domatore della televisione", e mentre il sound tuonava "E' arrivato a Rimini il grande circo con gli animali... ". Delle due, una: o negate l'evidenza o fate pubblicità ingannevole! Uno ha avuto la fantasia di dire che il manifesto con Nando+tigri è un "marchio registrato", non si può cambiare!!! Cioé dovremmo credere che il circo Nando Orfei non ha più animali ma deve continuare a usare quell'immagine perché è il suo "marchio". Ora, il marchio non ha niente a che vedere con l'immagine su un manifesto, ma vaglielo a spiegare! Per non parlare del jingle pubblicitario: inamovibile anche quello?

Poi forse si sono accorti che la stavano sparando troppo grossa, e il "niente animali" è diventato "vabbè, abbiamo i cavalli", e poi "anche i dromedari...".
Hanno cercato di contenersi, ma l'irritazione era palese: quando arrivavano le macchine, noi ci avvicinavamo con cartelli, megafono e volantini mentre uno dei loro faceva cenni disperati alle auto perché si infilassero velocemente dentro il parcheggio... e invece tutti hanno abbassato il finestrino, preso il volantino e sentito quel che dicevamo.

Molti spettatori sono entrati col biglietto omaggio, ulteriore segno che questi carrozzoni non se li fila più nessuno, se non i genitori più insensibili: una bambina davanti al video aveva gli occhi pieni di lacrime, ma la mamma se l'è trascinata ugualmente dentro il tendone. Veramente avvilente.
Di gente ne è entrata, ma per noi è stato ugualmente importante essere lì: il messaggio è passato... e poi i circensi hanno rosicato!!! Diamogli un'accoglienza così in ogni città!